Guest post

1828154_orig

Questa pagina contiene i miei guest post (articoli scritti su altri blog letterari).

GUEST POST PER  PENNABLU

Il blog di Daniele Imperi mi ha colpito subito per la sua atmosfera rilassata. I suoi post sono molto semplici e sintetici, di argomento vario (blogging, scrittura, editoria, interviste, racconti…), e vengono pubblicati a cadenza regolare.

Qui, introduzione ai fondamenti della neuroestetica letteraria, una branca delle neuroscienze ancora allo stato embrionale ma che potrebbe essere il basamento per una futura critica neurologica.

Qui, tratto il punto di vista, un argomento spesso analizzato superficialmente.

Qui, parlo di tecniche varie volte ad avvicinare il lettore alla materia narrativa.

Qui, partendo dalla base delle Lezioni Americane di Calvino, parlo dell’argomento della rapidità, e dei vantaggi di una narrazione in cui gli eventi si susseguono a gran ritmo.

Qui, propongo alcune tecniche per stringere il legame tra forma e contenuto, aumentando la capacità comunicativa della propria scrittura.

GUEST POST PER APPUNTI A MARGINE

Il blog di Chiara Solerio, parla della scrittura dal punto di vista del narratore apprendista, con i suoi piccoli successi giornalieri. Ogni tanto tratta anche di sociologia e psicologia.

Qui, parlo di tre semplici test di personalità che possono essere utili per creare personaggi interessanti.

Qui, parlo, con sei semplici presupposti, dei mezzi per potersi esprimere liberamente.

GUEST POST PER SALVATORE ARANFUSO 

Il blog porta il nome del blogger stesso: un dichiarato egocentrico che però pubblica interessanti riflessioni, esperienze, e bei racconti.

Qui, parlo delle diverse percezioni, e i modelli che le influenzano, che possono avere diversi tipi di lettori.

Qui, parlo del gusto nell’arte e nella letteratura, e del bello in generale.

Qui, parlo della vaghezza come qualità del mezzo letterario.

Qui, parlo degli elementi che differenziano la Letteratura da altre forme d’arte.

GUEST POST DA FACEBOOK

Qui, parlo delle potenzialità della vaghezza per il mezzo letterario.

 

Advertisements